Con la stagione estiva definitivamente conclusa e quella invernale che inizia a bussare alle porte degli italiani, con l’arrivo dei primi freddi tipici del periodo, sono tantissimi gli italiani che stanno programmando le proprie vacanze invernali optando per una entusiasmante settimana bianca sulle vette innevate del Bel Paese. Se molti fra turisti e operatori del settore sciistico temevano la possibilità di un’altra stagione di chiusura, il nuovo decreto Green Pass bis ha definitivamente esteso l’obbligatorietà della certificazione verde anche agli impianti sciistici italiani che, finalmente, potranno ricominciare a popolarsi di amanti dello sport su neve e turisti in cerca di una rigenerante vacanza in montagna. Ma quali sono le novità che l’obbligo di Green Pass introdurrà in questo specifico settore vacanziero?

Indice

Obbligo di Green Pass negli impianti sciistici: le novità per sciare in sicurezza

Finalmente con l’autunno già nel suo vivo arriva la notizia che amanti e appassionati di sci e sport su neve stavano aspettando: gli impianti sciistici quest’anno potranno riaprire in sicurezza grazie all’introduzione dell’obbligatorietà del Green Pass per farvi accesso. Qualche settimana fa, infatti, la Camera ha approvato il decreto Green Pass bis con cui si estende l’obbligo di certificazione verde anche ai comprensori sciistici dopo i diversi mezzi di trasporto come aerei, treni intercity e ad alta velocità, autobus e traghetti. Per quanti stavano pensando di organizzare le proprie vacanze invernali in settimana bianca nelle migliori località innevate di montagna in Italia, questa novità è una vera e propria manna dal cielo, dopo un anno e mezzo di completa chiusura del settore. L’obiettivo, come sottolineato tempo addietro dal Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, è quello di ripartire in sicurezza ed evitare oltre agli assembramenti tutte le situazioni a rischio per la salute e l’incolumità pubblica e individuale.

Chi vorrà andare in vacanza in montagna e accedere agli impianti per sciare dovrà dunque arrivare munito di Green Pass da esibire al controllo. Per chi non è vaccinato permane invece l’obbligo di tampone molecolare negativo, con validità innalzata dalle 48 alle 72 ore. Inoltre, come previsto dal protocollo d’intesa siglato dalle istituzioni con le principali associazioni di categoria, stando al decreto non sono previste limitazioni sulla vendita degli skipass: ciò significa che la capienza dei comprensori sarà quella del 100%, mentre ad essere ridotta al 80% sarà la portata degli impianti chiusi come funivie, cabinovie e seggiovie, per le quali oltre all’esibizione del Green Pass sarà obbligatorio anche indossare la mascherina, salvo altre disposizioni.

Cosa si rischia a non presentare il Green Pass negli impianti sciistici

Ma cosa si rischia a non presentare il Green Pass per l’accesso ai comprensori sciistici? Chi non esibisce la propria certificazione verde si vedrà innanzitutto negato l’accesso all’interno dell’impianto, rischiando anche una multa fino a circa mille euro. Ma clienti e avventori non sono gli unici a rischiare: anche il personale degli impianti addetto al controllo del Green Pass potrebbe incorrere in sanzioni se non ottempera il suo dovere, facendo rischiare in questo caso al gestore dell’impianto una multa dello stesso importo. Ad essere esclusi dall’esibizione obbligatoria del Green Pass saranno i bambini sotto i dodici anni d’età e le persone che, per motivi di salute o altro, sono esentate dalla vaccinazione.

Oltre al Green Pass, la mascherina continuerà ad essere protagonista della quotidianità delle vacanze invernali in montagna e in settimana bianca, anche se non sarà obbligatoria per sciare. Come già detto, infatti, l’obbligo di indossarla rimarrà soltanto quando si sale in funivia, cabinovia o seggiovia e in tutti i luoghi chiusi, comprese le strutture ricettive e le baite incastonate fra la neve. Una ripartenza in sicurezza che lascia però diverso margine di movimento e tranquillità, bastando la semplice osservanza delle regole e della legge in vigore in materia di contrasto al contagio da Covid-19.

Settimana bianca in sicurezza, un must per le vacanze invernali 2021

Ora che siete a conoscenza delle nuove regole per sciare in completa sicurezza grazie all’introduzione del Green Pass obbligatorio per accedere agli impianti sciistici, non vi resta che rivolgervi a un tour operator per organizzare e pianificare una splendida vacanza invernale senza incorrere in sgradevoli imprevisti dell’ultimo momento. GB Viaggi offre numerose possibilità per prenotare la settimana bianca con l’opzione Early Booking oppure approfittando delle diverse offerte last minute che sono sempre molto numerose quando ci si avvicina all’arrivo dell’inverno. Avere la garanzia offerta dalla collaborazione di un team di esperti e professionisti è infatti sempre la scelta migliore per organizzare una vacanza perfetta, che sia in coppia, in famiglia o con una ricca comitiva di amici.