Il paesaggio montuoso offerto dalle regioni del nord Italia conserva un fascino e un appeal unico che permette, anno dopo anno, di attrarre sul territorio una mole sempre maggiore di turisti e visitatori attirati dalla possibilità di praticare sci, sport su neve ed escursioni in una delle cornici naturalistiche più belle in tutta Europa, le Dolomiti. Incastonata nel cuore del Trentino Alto-Adige, la località di Madonna di Campiglio è da tempo un punto di riferimento per gli amanti delle vacanze invernali sulla neve, grazie ad un’offerta turistica a 360 gradi, ideale tanto per le famiglie in cerca di divertimento e relax che per gli sportivi sprezzanti del pericolo alla ricerca dell’ennesima avventura da brivido.

Se state organizzando le vostre vacanze sulla neve a Madonna di Campiglio il team di esperti di GB Viaggi ha individuato per voi tre itinerari naturalistici sulla neve da non perdere se ci si trova qui in settimana bianca. Questa guida dettagliata vi aiuterà dunque ad immergervi nei luoghi più suggestivi delle Dolomiti del Brenta grazie alla possibilità di soggiornare in uno dei migliori hotel sulla neve di Madonna di Campiglio e dintorni.

Indice

Mappa

Lago Nambino: la passeggiata felice nel cuore della Val Rendena

Con sullo sfondo le montagne che si alternano in un tripudio di colori tra il bianco della neve e le tinte argento della roccia dolomitica, il Lago Nambino a nord di Madonna di Campiglio è una delle mete imperdibili da visitare se ci si trova in vacanza nella località sciistica. Con i suoi 1718 metri s.l.m. questo lago è una delle tappe del più grande Giro dei Cinque Laghi, tanto impegnativo quanto meraviglioso, e con il suo tipico rifugio sulla riva rappresenta uno dei tanti paesaggi da cartolina delle Dolomiti del Brenta. Una volta arrivati, infatti, la magnificenza che si presenta davanti agli occhi vale il percorso sostenuto per arrivarci, anche grazie alle diverse attività da poter svolgere sia in inverno sulla neve che durante la stagione più calda.

Il Giro del Lago Nambino, dunque, rappresenta uno degli itinerari escursionistici più gettonati di Madonna di Campiglio, adatto a tutta la famiglia in quanto di facile percorribilità. La passeggiata che costeggia il lago lungo il suo perimetro dura circa un’ora, snodandosi lungo un sentiero da esplorare tra scorci naturali e piccoli angoli di spiaggia in cui poter sostare a fare una pausa o consumare un pasto al sacco. L’ideale è affrontare il percorso con molta calma per non perdersi i panorami suggestivi da poter fotografare per portare a casa un ricordo unico. Il consiglio, infine, è di chiudere il giro al rifugio che si affaccia sulle sue rive.

Come si arriva al Lago Nambino?

Per raggiungere il Lago Nambino dal centro di Madonna di Campiglio e avviarsi per l’omonima escursione è necessario recarsi in auto per la strada della Val di Sole, superare Campo Carlo Magno e prendere il bivio a destra in direzione di Via Nambino seguendo le indicazioni per il rifugio. Una volta arrivati al parcheggio custodito della Piana di Nambino si snodano due diversi itinerari da percorrere a piedi.

  • Sentiero 217 dalla Piana di Nambino: una volta lasciata l’automobile nel parcheggio custodito è necessario incamminarsi a piedi lungo la strada sterrata fino all’imbocco segnalato del sentiero 217 verso il rifugio del Lago Nambino. Da qui in poi è necessario superare un leggero dislivello muovendosi lungo i tornanti che costeggiano il torrente e dopo un ultimo tratto più ripido si arriva direttamente al rifugio sulla riva, per un totale di 1,5 km e circa un’ora di cammino;
  • Sentiero dal villaggio Patascoss: anziché fermarsi al primo parcheggio, in auto si può arrivare fino al parcheggio del villaggio Patascoss ammirando il meraviglioso paesaggio e, da qui, ci si incammina in direzione del Lago Nambino lungo un sentiero più lungo ma relativamente pianeggiante e interno al bosco, per un totale di circa 2 km e 45 minuti di cammino;

Malga Ritorto: escursione per la famiglia nel Parco Naturale Adamello-Brenta

Se siete a Madonna di Campiglio in settimana bianca e desiderate fare una splendida escursione in montagna adatta anche ai bambini, quella di raggiungere Malga Ritorto è una scelta eccezionale assieme alle diverse altre attrazioni interne all’area del Parco Naturale Adamello-Brenta. Malga Ritorto è infatti una spettacolare balconata naturale affacciata su tutta la sezione centrale e su parte di quella settentrionale e meridionale delle Dolomiti del Brenta, con una vista panoramica unica e molto suggestiva sul paesaggio innevato della Val Rendena e dei suoi laghi e torrenti. Posizionata a circa 1750 metri s.l.m. Malga Ritorto è particolarmente adatta ai più piccoli grazie alla presenza di diverse specie animali ed esemplari naturali che fanno da cornice alle diverse attività sulla neve da poter praticare.

Una volta arrivati i vari sentieri da percorrere per esplorare la zona non sono molto impervi né interessati da pendenze e dislivelli particolari, anche se è bene in alcuni tratti prestare maggiore attenzione ai bambini se si sceglie di muoversi in famiglia. Uno di questi sentieri, con una passeggiata di circa un’ora, conduce anche all’omonimo Lago Ritorto, che è tuttavia raggiungibile anche più facilmente con la cabinovia del Giro dei Cinque Laghi che permette di avvicinarsi al lago e percorrere meno tratti a piedi.

Come si arriva a Malga Ritorto?

Per raggiungere la zona di Malga Ritorto da Madonna di Campiglio e percorrere a piedi tutto l’itinerario in lungo e in largo, il canale d’accesso privilegiato è sostanzialmente uno e prevede di raggiungere in automobile località Patascoss fino all’omonimo parcheggio a pagamento. Una volta arrivati sono solo 2 km a separarvi da Malga Ritorto, ma è il modo di percorrerli che fa la differenza: se in alta stagione è possibile arrivare fino a destinazione grazie all’apposito servizio navetta negli orari stabiliti, durante l’inverno vige il divieto di transito veicolare dalle 24:00 alle 18:30 ed il passaggio è permesso solo a piedi, mountain bike o con il locale servizio carrozza attivo tutto l’anno. La zona di Malga Ritorto è comunque sempre raggiungibile in 30 minuti.

Cascate Vallesinella: le cascate più fotografate dell’area del Trentino

Se siete alla ricerca di un posto mozzafiato che sembra fuoriuscire dalla tela di un vecchio dipinto, il paesaggio delle Cascate di Vallesinella è ciò che fa al caso vostro. Considerate tra le più note di tutto il Trentino assieme alle Cascate Nardis in Val di Genova, le cascate della Vallesinella sono un punto di riferimento per itinerari escursionistici sulla neve nel cuore del Parco Naturale Adamello-Brenta.

Suddivise dalla natura in tre diversi salti d’acqua - rinominati come cascate Alte, di Mezzo e di Sotto - caratterizzati da grande potenza e getto d’acqua, rappresentano un’ottima occasione per dedicare una giornata alla scoperta della natura, anche durante la stagione più calda in cui colori e scenari tendono a cambiare. Per chi è in vacanza a Madonna di Campiglio, infatti, basterà immergersi in uno dei diversi sentieri boschivi per raggiungere le cascate ai vari livelli d’altezza, passeggiando tra suggestivi boschi di faggi ai piedi dei massicci dolomitici.

Come si arriva alle Cascate Vallesinella?

Per raggiungere le Cascate Vallesinella da Madonna di Campiglio è necessario recarsi in auto o tramite il bus navetta del Parco Naturale Adamello-Brenta fino al parcheggio custodito del rifugio Vallesinella, a soli 5 km dal centro della località sciistica. E’ proprio da qui infatti che si snodano i diversi sentieri per raggiungere le cascate Alte, di Mezzo e di Sotto, con percorsi tendenzialmente adatti a tutti con le dovute precauzioni.

Per arrivare a Vallesinella Alta è necessario imboccare il sentiero che parte dalla parte sinistra del parcheggio e percorrere per circa 30 minuti dei lievi saliscendi costeggiando il torrente Sarca fino alla fine del sentiero. Se invece si desidera raggiungere le cascate di Mezzo o di Sotto, sempre dal parcheggio del rifugio è possibile scendere per qualche decine di metri dalla strada asfaltata e inoltrarsi nel bosco seguendo le indicazioni per Vallesinella di Mezzo, raggiungibile in circa 20 minuti. Chi vuole godersi l’intero giro, specie se in compagnia di tutta la famiglia, potrà approfittare della possibilità di fare un vero e proprio percorso ad anello rientrando dalle cascate di Mezzo al rifugio Vallesinella tramite il rinomato Sentiero dell’Arciduca.

I migliori hotel in cui alloggiare a Madonna di Campiglio

Dove dormire in vacanza a Madonna di Campiglio?

  • TH Madonna di Campiglio - Golf Hotel

Se state organizzando una vacanza a Madonna di Campiglio per immergervi nei sentieri naturalistici sulla neve più suggestivi delle Dolomiti del Brenta, GB Viaggi ha selezionato i migliori hotel Madonna di Campiglio in cui soggiornare. Il tutto scegliendo la soluzione più adatta alle necessità specifiche per riuscire ad assicurarsi il miglior rapporto qualità-prezzo per trascorrere una settimana bianca nella maestosa cornice offerta dal Parco Naturale Adamello-Brenta.

Grazie alle offerte Madonna di Campiglio è possibile godere della sua offerta ricettiva sempre conveniente e dall’ottima reputazione, dove è possibile coniugare l’alta qualità del soggiorno a costi sempre più vantaggiosi. Soggiornare in uno dei meravigliosi hotel del Trentino incastonati tra le magnifiche vette delle Dolomiti è dunque il modo migliore per esplorare il cuore naturale di questa fantastica località di montagna.

TH Madonna di Campiglio - Golf Hotel

TH Madonna di Campiglio sorge in Val Rendena, incastonata tra le Dolomiti di Brenta e i ghiacciai della Presanella e dell’Adamello, a poca distanza dallo splendido centro di Madonna di Campiglio. Residenza storica dotata di diversi servizi dedicati al benessere e relax dei propri ospiti, la struttura è l’ideale per chi intende trascorrere una settimana bianca di divertimento sulla neve, grazie alle diverse piste da sci del territorio con cui l’hotel, oltre ad essere convenzionato, è ben collegato dal servizio navetta.

Quanto costa una vacanza a Madonna di Campiglio?

 

Hotel in Trentino
STRUTTURE
Golf Hotel
Prezzi medi stagione invernale
DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO
A partire da 998€ pers/sett A partire da 674€ pers/sett A partire da 891€ pers/sett A partire da 656€ pers/sett

Vacanze a Madonna di Campiglio, un soggiorno da sogno sulle Dolomiti del Brenta

Adesso che conoscete i dettagli e i punti di riferimento per avventurarvi alla scoperta delle Dolomiti del Brenta e del Parco Naturale Adamello-Brenta, non vi resta che organizzare una vacanza a Madonna di Campiglio al più presto possibile e godersi una permanenza a cavallo fra relax, natura e divertimento. Ciò che rimane da fare, dunque, è affidarsi agli esperti del team di GB Viaggi e prenotare un soggiorno all’insegna del relax e del comfort in uno dei migliori hotel del Trentino, così da poter ammirare le peculiarità di questo paradiso per gli amanti delle vacanze sulla neve.